UNISCITI AL PROGRAMMA

Aiutaci a rendere il cancro una malattia sempre più curabile.

INSIEME DAREMO UN FUTURO A TANTI BAMBINI

Ci si arrabbia quando il cancro colpisce un bambino mettendo a rischio il suo futuro. Trasforma questa rabbia in forza con “6 con la ricerca”, il programma di donazione continuativa che con soli 6 euro al mese aiuta i ricercatori a trovare cure sempre più efficaci e meno tossiche per i bambini colpiti dai tumori pediatrici.

Con 6 euro al mese 6 subito
nel cuore della ricerca oncologica pediatrica.

UNISCITI AL PROGRAMMA
Puoi aderire al programma di donazione continuativa “6 con la ricerca” anche così:

AL TELEFONO

Chiama il numero verde 800.350350: potrai aderire con l’aiuto di un nostro operatore disponibile dal lunedì al sabato dalle ore 8.30 alle ore 19.30

SCARICA IL MODULO

Aderisci attraverso domiciliazione bancaria, postale, o carta di credito: scarica e stampa il modulo e invialo al numero di fax 02.56561379

Insieme a te siamo più forti contro i tumori pediatrici!

Vedere mio figlio che oggi gioca felice è il regalo più bello (Ilaria, mamma di Simone, 14 anni, Trieste, Sarcoma di Ewing)

Vedere mio figlio che oggi gioca felice è il regalo più bello (Ilaria, mamma di Simone, 14 anni, Trieste, Sarcoma di Ewing)

Penso continuamente alla fortuna che abbiamo avuto, ma anche al valore immenso del lavoro dei medici e dei ricercatori che hanno combattuto con noi questa battaglia. Quando a tuo figlio di 11 anni diagnosticano un sarcoma di Ewing, da genitore puoi fare solo una cosa: trovare dentro di te la forza di non arrenderti e riporre tutta la tua fiducia nei medici cui affidi la vita del tuo bambino. Per Simone tutto questo ha significato 9 cicli di chemioterapia, un intervento chirurgico, l’amputazione di una parte del piede. Ma ha significato anche scoprire tanta attenzione, vicinanza e affetto, e soprattutto sentirsi sostenuti dall’enorme professionalità di chi ci ha accompagnato lungo questo percorso.

Ilaria, mamma di Simone,
14 anni, Trieste,
Sarcoma di Ewing

Guarire è stata la mia vittoria più grande (Gaia, 14 anni, Ancona, Osteosarcoma)

Guarire è stata la mia vittoria più grande (Gaia, 14 anni, Ancona, Osteosarcoma)

Facevo ginnastica artistica, allenamenti e gare erano il mio mondo. Proprio non capivo cosa c’entrasse quella parola, osteosarcoma, con me. I miei genitori, dopo un primo momento di “paralisi”, hanno cominciato a lottare con me: non abbiamo mai mollato. Non potevo controllare la malattia, ma il mio sorriso sì e mi aiutava a stare meglio. Soprattutto, sia durante la malattia, sia ora che dopo due anni tutto si è risolto, ho capito che l’esperienza che stavo vivendo non doveva rimanere una “questione privata”, ma poteva essere messa al servizio degli altri.

Gaia, 14 anni,
Ancona,
Osteosarcoma

Non mi sono mai arresa e oggi sono più viva che mai (Sara, 24 anni, Quarto (Napoli), Tumore di Wilms)

Non mi sono mai arresa e oggi sono più viva che mai (Sara, 24 anni, Quarto (Napoli), Tumore di Wilms)

Avevo appena compiuto 11 anni quando il mondo mi è crollato addosso. Dopo una gara di nuoto vidi un bozzo sulla pancia e pensai di essermelo procurato in piscina. Invece era l’inizio di un percorso difficilissimo, per me e per la mia famiglia: tumore di Wilms, due interventi chirurgici, più di un anno di terapie. Se penso al passato vedo tanta sofferenza, ma anche tante luci che si sono accese. Gli affetti, le amicizie nate tra le mura dell’ospedale, ma soprattutto la consapevolezza del lavoro incredibile che fanno medici e ricercatori. Se sono viva lo devo a loro. Il mio era un caso raro, che ha richiesto un percorso di cure sperimentali messe a punto per me dall’équipe di ricerca dell’Ospedale Bambino Gesù e dal Professor Franco Locatelli, primario di Oncoematologia e ricercatore AIRC: sono persone che fanno un lavoro eccezionale. Io ne sono la prova.

Sara, 24 anni,
Quarto (Napoli),
Tumore di Wilms

In Italia un tumore su 200 colpisce un bambino, circa 1.400 i casi ogni anno.

Per il quinquennio 2016-2020 si stimano 7.000 nuove diagnosi tra i più piccoli (0-14 anni) e 4.000 tra gli adolescenti (15-19 anni), secondo il rapporto 2012 dell’AIRTUM, l’Associazione italiana registri tumori, che ha messo in evidenza anche il costante miglioramento dei dati sulla sopravvivenza. Negli anni Settanta 3 bambini su 10 sopravvivevano al cancro, oggi 3 su 4 guariscono completamente. Le maggiori guarigioni sono la conseguenza dell’impegno di medici e ricercatori che hanno studiato e compreso le caratteristiche delle neoplasie dei più piccoli e hanno sviluppato nuovi trattamenti.

Per realizzare i progetti di tanti bambini dobbiamo dare continuità
e stabilità ai progetti dei ricercatori.

Aiutaci a rendere il cancro una malattia sempre più curabile.

Stai per fare una grande scelta, quella di schierarti al fianco di nostri ricercatori.
Uomini e donne che lavorano senza sosta per garantire ogni giorno nuovi traguardi alla lotta contro il cancro.

Scelgo di donare 6 EURO AL MESE in favore della ricerca